Così accade, mentre leggi “La cura delle parole”, che stai ricevendo un regalo immenso, dolcissimo, intrigante. Un paio di invisibili manette scattano ai polsi, con un quasi leggeris-simo click,  durante il prosieguo della lettura e ti impediscono di pensare ad altro.

Riccardo Colao
Giornalista, scrittore, Direttore di "Talent Scout"